Chroma Keys

2018

ideazione Daniela Nicolò e Silvia Calderoni

con Silvia Calderoni

regia Enrico Casagrande e Daniela Nicolò 

video design Paride Donatelli e Simona Gallo

direzione tecnica Simona Gallo

residenza creativa L’arboreto – Teatro Dimora di Mondaino

si ringrazia Matteo Marelli per la collaborazione

produzione Francesca Raimondi

logistica Shaila Chenet

promozione Marta Lovato

comunicazione Isabella Cruciani e Ilaria Depari

progetto grafico e ufficio stampa comunicattive.it

distribuzione internazionale Lisa Gilardino

produzione Motus con Santarcangelo Festival

con il sostegno di MiBACT, Regione Emilia Romagna

©Tani Simberg

Chroma Keys è una incursione dentro al cinema, nella meraviglia della finzione e dei suoi vecchi “trucchi” stereoscopici. La possibilità della comparsa e sparizione repentina di un corpo “alieno” nella scena di un film – alla base degli artifici di tanto cinema delle origini – ci incuriosiva da tempo, ma mai avremmo immaginato di arrivare a un sabotaggio così sfrontato del frame. Abbiamo lavorato con il Green screen in Panorama, il nostro ultimo spettacolo realizzato con gli attori de La Mama di New York: anch’esso affonda le radici nel cinema, ma più per interrogare/boicottare le dinamiche, spesso avvilenti, delle auditions… Con Chroma Keys utilizziamo invece lo stesso semplice fondale fotografico verde/infinito per accelerare il potere liberatorio e visionario che questa antica tecnica cinematografica presuppone, svelandone il meccanismo in maniera performantica… e ironica. Silvia Calderoni interviene/precipita in un viaggio-trip allucinato dal clima apocalittico, immerso in quella luce da disastro imminente che tanto ricorre nella filmografia di Bela Tarr… Un movimento/immobile che potrebbe continuare all’inifinito, attraversando “citazioni” di film che in qualche modo rimandano/trattano/riflettono la sparizione, il senso dell’andare o dell’andarsene, dell’abbandono, ma anche della scoperta. L’atmosfera futuristica e distopica resta ambigua e sospesa: si presuppone un “mondo a venire” o piuttosto, “un mondo a venire senza mondo”, con il profilarsi di un evento che “la fa finita con tutti gli eventi” come in Melancholia di Lars Von Trier? Sta al pubblico completare la sceneggiatura.

©Tani Simberg

©Tani Simberg

©Claudia Pajewski

©Claudia Pajewski

©Claudia Pajewski

©Claudia Pajewski

©Claudia Pajewski

©Claudia Pajewski

©Claudia Pajewski

Contacts

News

OPEN CALL: "The Last Lamentation" per SUPERNOVA ✦ Fuori ora le nuove date di SUPERNOVA, dal 17 al 21 aprile 2024 ✦ Prendono il via i lavori per Archivio MOTUS e Casa MOTUS ✦